Vae Victis | Everyeye.it / Victory: the Age of Racing – Hands on
Vae Victis / Independent Game Development Studio
1488
single,single-post,postid-1488,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

Blog

Everyeye.it / Victory: the Age of Racing – Hands on

Ogni appassionato di racing game dovrebbe provare a giocare a Victory: l’iscrizione è assolutamente gratuita e ci si ritroverà immediatamente catapultati in un titolo molto ampio, che mette la personalizzazione dei propri mezzi e una fisica realistica ai primi posti della propria offerta.

La curva di difficoltà è ottimamente calibrata e le tre classi permettono a tutti di trovare il giusto compromesso tra realismo e divertimento, facendo di Victory un titolo che si plasma sulle esigenze del giocatore, senza imporre nulla, nemmeno l’acquisto di valuta in-game per provare a vincere.

Da questo punto di vista Victory è un gioco equo, assolutamente non pay-to-win, e lo dimostra a più riprese imponendo limiti e vincoli, come l’impossibilità di utilizzare i componenti più performanti se non si è raggiunto un determinato livello, in modo da dare sempre un vantaggio a chi ha speso più tempo in gioco e a chi guida più forte in pista, mettendo quindi il giusto bilanciamento davanti a tutto, anche alle logiche di un modello di business che potrebbe rovinare un gioco di questo tipo.

Il mercato degli MMO free-to-play di guida è ancora limitato e Victory è sicuramente uno dei primi titoli che chi non disdegna i racing game dovrebbe assolutamente provare.

Original article:
Victory: the Age of Racing – Hands on