Vae Victis | Mmorpgitalia.it / Victory The Age of Racing: Il Futuro delle Corse Online
Vae Victis / Independent Game Development Studio
749
single,single-post,postid-749,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

Blog

Mmorpgitalia.it / Victory The Age of Racing: Il Futuro delle Corse Online

Another great article about Victory has been published on Mmorpgitalia.it

Vi abbiamo fatto conoscere il Racing MMO tutto italiano Victory: The Age of Racing attraverso i nostri reportage: prima quello dal Gamescom dello scorso anno e poi attraverso quello dall’ultimo E3.
Se seguite MMORPGITALIA avete insomma imparato conoscere i ragazzi romagnoli di Vae Victis ed il loro promettentissimo Victory: The Age of Racing. È ora arrivato il momento di presentarvi ciò che succederà dopo che sarà partita la closed beta, attesa negli Stati Uniti per novembre (vi ricordiamo che il publisher è l’americana Gamersfirst), mentre in Europa e più specificatamente in Italia, dovrebbe arrivare entro dicembre. Questa prima fase di beta sarà concentrerà nei weekend, così da testare la stabilità dei server e la bontà del client di gioco con numerosi giocatori collegati contemporaneamente.

Antonio Moro ci ha inoltre svelato quale saranno le principali novità che arriveranno con questa versione beta, che si andranno ad aggiungere a quanto di buono ci era già stato mostrato all’E3. Si tratta innanzitutto del sistema di Matchmaking che supporterà le corse online, che completerà la lobby con una chat ed il Friend System, tramite il quale sarà possibile vedere i propri amici online ed unirsi alle loro partite. Oltre a ciò si aggiungono un paio di feature collegate al Social Network facebook: le Friend Activities, tramite il quale ci si potrà tenere aggiornati sulle attività svolte dai propri amici direttamente dal proprio profilo, e gli ormai immancabili Achievement sbloccabili via via che si gioca e si compete con altri giocatori.

Ma le cose si faranno ancor più interessanti una volta che il gioco sarà uscito, con la release attesa nei primi mesi del prossimo anno: l’item shop presente nel gioco (vi ricordo che Victory è un vero free to play, sarà cioè possibile acquistare tutti gli oggetti con i crediti ottenuti giocando) verrà aggiornato settimanalmente con nuovi oggetti, come nuove parti per la personalizzazione della macchina, nuove componenti per il miglioramento delle prestazioni e altro ancora. Ogni tre mesi arriverà poi una nuova zona giocabile (all’uscita saranno tre: Nevada, Antartide, Inghilterra) con cinque piste inedite, allo scopo di fornire sempre nuovi circuiti e tener viva la competizione tra i giocatori. La prima di queste nuove zone, stando a quanto ci è stato rivelato, riguarderà le strade cittadine di Tokyo in un’ambientazione strettamente notturna che dovrebbe spremere al massimo le prestazioni dell’engine messo a punto dai ragazzi di Cesena.

L’intenzione è dunque quella di aggiornare il gioco davvero molto di sovente, ma non è finita, perché con scadenza semestrale arriveranno delle vere e proprie espansioni dei contenuti. Moro ci ha anticipato che la prima avrà a che fare con i Team (in pratica, le gilde di Victory): arriveranno infatti tutta una serie di feature studiate per soddisfare le esigenze delle squadre composte dai giocatori. Si parte dalla possibilità di stabilire dei ruoli al loro interni, come Manager, Designer o meccanico sino alla possibilità di scalare un ranking dedicato in base alle prestazioni dell’insieme dei propri piloti in campionati dedicati, rendendo dunque possibile una vera e propria evoluzione del Team da squadra di bassa lega ad organizzazione professionale, sbloccando via via nuove feature per i piloti che ne fanno parte.

Ogni anno, infine, arriveranno nuove serie. La prima, come è evidente dalle immagini a corredo, è dedicata alla formula uno, con monoposto divise in tre classi che ricalcano quelle degli anni sessanta fino a quelle degli anni ottanta. Queste nuove serie comporteranno l’implementazione di vetture dalle caratteristiche del tutto differenti, così da dover reinterpretare in toto quanto già dato per scontato e imparare daccapo tracciati, tenuta di strada, miglioramento delle prestazioni ed assetti.

Oltre, ovviamente, a comportare un certo grado di “specializzazione” da parte dei team verso alcuni tipologie di macchine piuttosto che altre. Vae Victis ci ha rivelato che la prima dovrebbe riguardare potenti vetture Off-Road. Ma arriveranno anche gli ovali, per accontentare soprattutto l’esigente pubblico nordamericano, e anche i kart.

Original Article