Vae Victis | Mmorpgitalia.it / ESCLUSIVA – Intervista a Vae Victis
Vae Victis / Independent Game Development Studio
503
single,single-post,postid-503,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

Blog

Mmorpgitalia.it / ESCLUSIVA – Intervista a Vae Victis

Mmorpgitalia.it, one of the leading italian websites about mmorpgs / massive online games, just published a long interview with Antonio Moro, our creative director, about Victory: The Age of Racing.

Vae Victis è un piccolo grande orgoglio italiano, che MMORPGITALIA ha seguito fin dall’inizio dello sviluppo di Victory: The Age of Racing.
Si tratta del primo Racing MMO d’impronta simulativa al mondo, ambientato in un contesto decisamente originale, quasi steampunk. Oramai vicini all’entrata in beta del gioco, abbiamo contattato Antonio Moro, Creative Director della softco di Cesena, per farvi avere un nuovo punto della situazione riguardo allo sviluppo del titolo:

MMORPGITALIA: Ciao Antonio, parlaci degli ultimi sviluppi di Victory, a che punto siete?

Antonio: Attualmente siamo nell’Alpha 0.3, e la prossima settimana presenteremo al publisher GamersFirst la 0.4! La 0.3 ha tutta la personalizzazione delle vetture completata, la fisica pressoché definitiva e il multiplayer funzionante, così come il sistema base di tutta l’interfaccia utente e la gestione di tutti i dati. Con la 0.4 arriverà la possibilità di spendere punti performance nell’area “Develop” delle auto. Poi a dicembre, con la 0.5, arriverà anche il “Market”, con tutti gli oggetti e accessori che si potranno montare sulle auto (parafanghi, freni, gomme, cerchi… davvero di tutto!) e via via arriveremo alla 1.0, aggiungendo gli altri pezzi mancanti.

La 1.0 è sarà per noi la Closed Beta completa di tutte le feature, e dovrebbe cominciare a marzo del prossimo anno. Insomma siamo in linea con i tempi che ci eravamo prefissati! In parallelo prosegue la creazione dei contenuti (aree, piste, oggetti, i blocchi per la personalizzazione delle auto, ecc.) e, dopo aver finito la prima area desertica (“Fort Fast”, composta da 5 diverse piste), stiamo per completare la seconda delle tre previste per la releae: “Rock Island”, composta da altre 5 piste e ambientata in una campagna inglese popolata da villaggi e barricate, di cui i vostri lettori possono vedere i primissimi screenshot, in allegato a questa intervista. La terza area è “Ark One”, ambientata in Antartide tra valli di ghiaccio ed enormi basi militari abbandonate, che verrà completata a fine gennaio.

MMORPGITALIA: Ci parli di villaggi Inglesi e basi in Antartide… quindi immaginiamo che le zone in cui si corre saranno legate a doppio filo con il background del gioco. Vuoi spiegarci brevemente cosa è successo prima del 2062, la data in cui il campionato di Victory si svolge?

Antonio: Certamente, il backgrund di Victory serve a noi autori per avere una certa consistenza e una sufficiente varietà nelle ambientazioni, ma anche agli utenti per capire il “mood” del gioco. Nel 2012 esperimenti andati a male fanno mutare il virus dell’influenza suina in un virus mortale per l’uomo. In poco tempo questo nuovo virus miete milioni di vittime e si propaga ad una velocità sconcertante. I potenti della terra decidono di correre ai ripari in isolando e preservando quasi un milione di persone in una enorme base sotterranea di massima sicurezza in Antartide. Nel frattempo il resto del mondo cade in una completa anarchia: le grandi città rimangono deserte e piene di morti, mentre nelle campagne sorgono piccoli villaggi-stato in cui gli ultimi superstiti di questo virus letale si sono rifugiati cercando di scampare all’infezione. Gli anni passano, e alla fine si trova una cura al virus. Dunque si ritorna molto lentamente a popolare la terra, cercando faticosamente di riportare la civiltà nel mondo.

Pochi anni dopo l’inizio del ripopolamento si decide di ricreare la Formula 1: viene così creata la Racing Authority, che porta il nuovo Circus in giro per il mondo organizzando corse negli ambienti ancora abbandonati della terra per macchine ricreate con lo stile della leggendaria Formula 1 degli anni sessanta. I giocatori correranno quindi in piste che vanno da basi militari abbandonate in mezzo al deserto a campagne inglesi segnate dagli anni di anarchia, sino alle lande ghiacciate dell’Antartide in prossimità degli ingressi della città sotterranea più grande mai costruita dall’uomo. Crediamo che la varietà di piste ed ambientazioni sia uno dei fondamentali punti di forza di Victory e senz’altro costituisce, insieme alla varietà delle auto, uno dei principali obbiettivi del team di sviluppo sin da quando ha iniziato a lavorare su questo gioco.

MMORPGITALIA: Sappiamo che Victory introdurrà anche un avanzamento del pilota che sarà molto simile a quello che si vede nei giochi di ruolo, con un sistema di leveling e reward alla fine di ogni gara, e tre diverse classi di auto che si sbloccano a determinati livelli, ce ne puoi parlare?

Antonio: Victory è diviso in serie, e ogni serie è divisa in classi: la prima serie disponibile sarà la Road Race, per classiche gare multiplayer su pista, costituita da tre classi: la Rookie disponibile dal primo livello, la Semi-Pro sbloccabile al 21° livello e la Pro sbloccabile al 41° livello. Ogni classe presenta un’estetica e una guida diversa, oltre a tutta una serie di accessori dedicati. Questo vuol dire che, se per esempio la classe Rookie è pensata per i principianti delle corse e avrà una guida più arcade e un’estetica ispirata alle prime auto degli anni sessanta, la Pro Class sarà più simulativa e avrà un’estetica ispirata alle monoposto fine anni sessanta/inizio anni settanta, quindi auto più moderne, dal profilo più squadrato e con ali ed alettoni.

Saranno i giocatori, una volta raggiunto il livello necessario, a scegliere in quale classe competere: ci può essere il giocatore che preferisce il modello di guida delle Rookie e perciò continuerà ad usare queste auto fino all’ultimo livello (il 60), infischiandosene delle altre classi: per questo tipo di giocatori saranno disponibili accessori per la Rookie sbloccabili solo a livelli alti, come il cinquantesimo.

Ci saranno anche giocatori che cresceranno nella loro abilità di guida di pari passo con il loro livello, provando auto di tutte e tre le classi cimentandosi con un modello di guida sempre più impegnativo. Victory è anche questo.È importante però capire che anche la Rookie Class non ha un modello di guida alla Mario Kart: Victory non è un casual game, è rivolto a chi sa apprezzare i veri giochi di corse multiplayer. (A me il modello di guida ha ricordato GP Legends – NdMasca)

MMORPGITALIA: Dagli screenshot si nota l’ulteriore passo in avanti che avete fatto con il motore grafico. Questa è la qualità che ci dobbiamo aspettare nella release finale?

Antonio: Graficamente il gioco è cresciuto molto con l’inclusione, nell’ultima Alpha version, di tutta una nuova serie di shader riprogrammati da zero e meglio ottimizzati. Sono questi che ci hanno fatto fare un bel salto qualitativo. Comunque Victory non è certamente un tripla A, nel senso che non ha requisiti hardware proibitivi: abbiamo tutta l’intenzione di mantenere la soglia di accesso molto bassa, e per farlo non possiamo utilizzare gli ultimi shader model disponibili sul mercato.

Questo però non vuol dire che non faremo altri importanti aggiornamenti: stiamo migliorando gli effetti particellari, e presto arriverà il motion blur!

MMORPGITALIA: Grazie Antonio per la disponibilità!

Antonio: Grazie a voi! E vi avviso che a breve produrremo un nuovo trailer che presenterà gli ultimi sviluppi del gioco!

By Massimo Villa

Original Article